18 Lug

Agricantus e Focu...

Martedì 31 luglio alle ore 21.15 inizierà l’XI edizione del “Teatro del Fuoco, International Firedancing Festival” con lo spettacolo “Agricantus e Focu”. Il fascino della danza del Teatro del Fuoco si fonderà con l’armonia della musica del gruppo Agricantus nella scenografia suggestiva del complesso mo...

Vai alle News
02 Lug

“AKOUSTIKOS” degli Agricantus entra nella Transglobal World Music ...

“Akoustikòs”, il nuovo album degli Agricantus, è entrato direttamente al 31esimo posto della “Transglobal World Music Chart”.Leonardo Lodato ...

Vai alle News
02 Lug

CNI pubblica "Si danza", il nuovo singolo di Mirco...

Chi l’avrebbe mai detto!CNI Compagnia Nuove Indye la società discografica/editoriale più intransigente sulle scelte artistiche, che si è sempre mossa in un ambito di qualità (Roots - Word - Etno - Dub) fin dagli anni novanta e oggi ancor di più trasversale (con attivazioni importanti nel mondo della musica classica (G...

Vai alle News
02 Lug

Il Film "Caina" dal 2 al 4 Luglio al cinema Farnese di Roma...

Dal 2 al 4 luglio al cinema Farnese di Roma potrete vedere “Caina”, il film di Stefano Amatucci, la cui colonna sonora è stata realizzata da Vito Ranucci. ...

Vai alle News

Altre News

Gli Agricantus ed il progetto "I volti del Mann"...

Il brano degli Agricantus “Istanbul Uyurken”, tratto dal loro ultimo album “Akoustikòs”, accompagna le immagini del video del progetto fotografico di Paolo Soriani “I volti del Mann” che potete vedere su “Repubblica TV”.Leonardo Lodato

Fabio Macagnino - "Siricu"...

Oggi, in occasione della “Giornata Mondiale del Rifugiato”, pubblichiamo su tutti gli store digitali il brano di Fabio Macagnino “Siricu”, di cui potete vedere il video nel nostro canale YouTube. Siricu in calabrese significa ”siriano” e al contempo “baco da seta”. Fabio Macagnino, immagina un padre che canta per suo figlio e per i bimbi presenti su una carretta del mare, una ninna nanna che possa regalare qualche momento di serenità durante la traversata del Mediterraneo. E così il papà baco canta ai piccoli bachi in balia delle onde, di una terra di gelsi, zagara e peperoncino dove potrà liberamente far crescere le ali e dimenticare la guerra, senza scordare il paradiso dal quale proviene. La storia si ripete: qualche secolo fa i bachi provenivano dalla Siria per la fiorente lavorazione della seta che si praticava sulla costa jonica calabrese…oggi raggiungono le nostre coste per ben altri motivi.  

BLOGFOOLK recensisce “Life” dei Kabìla...

Band italo-libanese composta da EmadShuman (voce, cori), Mirko Speranzi (voce, piano, tastiere, cori), Adriano Checcacci (batteria, drum machine, percussioni), Gabriele Polverini (chitarre elettriche, acustiche, cori), Cristiano Rossi (chitarra acustica, saz e 'oud) e Marco Chianucci (basso), i Kabìla vantano un ormai decennale percorso artistico intrapreso nel 2008 con il disco di debutto “La città degli alberi” e proseguito con “Oltre Noi” del 2010 e “Yallah” del 2013, il cui successo li ha portati ad esibirsi nei principali festival italiani ed internazionali. A cinque anni dall’ultimo lavoro in studio, il gruppo ha dato recentemente alle stampe il loro quarto album “Life”, finanziato da una fortunata campagna di crowdfunding sulla piattaforma Musicraiser e nato dalla sinergia tra CNI Compagnia Nuove Indye e Materiali Sonori, etichette discografiche da sempre attive nell’ambito della world music in Italia. Ispirato a fatti ed eventi visti e vissuti in prima persona dai componenti del gruppo, durante i loro viaggi, il disco raccoglie quindici brani che, nel loro insieme, compongono un concept album che ruota intorno alle vicende di un giovane il quale, in seguito ad un bombardamento, perde tutto insieme alla propria casa ma, dopo una serie di incontri, trova la forza ed il coraggio per ricominciare. Una storia comune a quella delle tante vittime delle guerre nel mondo che vivono costantemente sull’orlo del precipizio ma non perdono mai la speranza in un futuro migliore. Rispetto ai precedenti lavori, questo nuovo disco rappresenta una piccola grande rivoluzione nel sound dei Kabìla proponendo un originale intreccio tra lingue (arabo, inglese e italiano) ritmi e suoni differenti che si dipanano dalla Grecia al Libano passando per l’Egitto ed il Marocco, mescolandosi con rock, prog ed elettronica in una originale fusione tra suoni world, vintage e futuristici. Continua a leggere su Blogfoolk  

"Life is going on" è il nuovo video dei Kabila...

“Life isgoing on" è il nuovo video dei Kabìla, realizzato dal regista libanese Ibrahim Zeaiter, tratto dal loro ultimo album "Life": un concept album che parla di distruzione, perdita, crescita e rinascita. È la storia di un ragazzo che perde tutto a seguito del bombardamento della propria casa e che, dopo una serie di incontri, trova la forza ed il coraggio per ricominciare e andare avanti. Un album di speranza per chi vede la propria vita sull'orlo del precipizio ma che deve, invece, costruire (costruirsi) il futuro.

Agricantus su Rai Radio Live nella "Set List" di Ugo Coccia...

Mario Rivera è stato ospite di RAI Radio Live per presentare il nuovo album degli Agricantus “Akoustikòs” e a questo link potete ascoltare l’intervista realizzata da Ugo Coccia nel suo programma "Set List".

Andrea Vettoretti intervistato su "Il Gazzettino" in occasione dell'inizio d...

Parte dalla sua città, Treviso, dov’è nato e vive, il tour che lo porterà per la prima volta sul palco del teatro Comunale. Andrea Vettoretti, il chitarrista 43enne che ha saputo “sdoganare” la chitarra classica, cambia rotta e con “Wonderland”, ispirato al celebre romanzo “Alice nel Paese delle Meraviglie” di Lewis Carroll, si prepara per un lungo tour che toccherà altre città e paesi in Europa. Il musicista e compositore sarà al Del Monaco nel concerto-spettacolo del 20 giugno (ore 20.45), e dividerà la scena con la violoncellista Riviera Lazeri (in tour anche con il pianista Ludovico Einaudi), il percussionista Max Trabucco e l’attrice Alice Guidolin, che in scena interpreta proprio Alice, mentre la regia dello spettacolo è affidata ad Alberto Moscatelli.“Mi piace sperimentare, provare nuove strade, dalla musica classica mi appassionano la profondità e la molteplicità, di altri generi musicali invece la semplicità ed allo stesso tempo la forza di comunicazione. Nel progetto Wonderland ho dato vita ad un nuovo ed entusiasmante percorso musicale” afferma Andrea Vettoretti, che dopo 9 album dedicati alla chitarra classica esplora nuovi orizzonti con il suo primo disco da autore, aperto a nuove sonorità.“All’interno della chitarra classica ho inserito un leggerissimo microfono (peso 15 grammi) scovato in America che permette una grande qualità del suono e di suonare anche in piedi e muoversi, soprattutto quando lo spettacolo dai teatri passerà alle piazze”.In “Wonderland”, progetto numero 10 di Vettoretti, nato in collaborazione con Paolo Dossena, l’opera di Carroll rivive attraverso la magia della chitarra e delle composizioni. “Dopo aver letto il libro ho trovato la chiave di lettura ed è nato l’album con il suo concerto-spettacolo – spiega l’artista – brani che mi ricordano molte sensazioni e che permette di uscire da certi schemi, dalle classiche sale a concerto e teatri, ma anche all’aperto come sarà al parco di Modena”.Continua l’artista trevigiano:” Suono la mia musica e mi relaziono con un pubblico diverso e più vasto.  Poi debuttare al Teatro Comunale Mario Del Monaco è molto significativo perché è la mia città che mi ha dato la possibilità di fare questo mestiere, e dove ho creato il Festival chitarristico delle due città. In effetti ho sempre suonato poco a Treviso quindi è motivo di maggior orgoglio e soddisfazione”. Il concerto, che sarà anche l’anteprima del Festival stesso e del tour che toccherà Francia, Spagna, Inghilterra, Germania e ovviamente l’Italia. E significativa sarà la data del 20 luglio al Kings Place di Londra la città dove nacque il celebre libro. Alle sale da concerto più importanti Vettoretti è abituato, ha già “esplorato” Roma, Berlino, Dublino, Parigi, Londra e Valencia, Città del Messico e poi Miami e Sydney, oltre ad aver trionfato in 13 competizioni internazionali. Ora il cambio di rotta. La rotta delle “meraviglie” in compagnia della magica Alice.Michele Miriade – Il Gazzettino