19 Feb

Nuovi video del nostro canale Youtube!...

Nel canale YouTube di CNI Compagnia Nuove Indye trovate due nuovi video: SOCIALEYEZ – BEER O’CLOCK Dopo Merica, Landline e Superhero, con Beer O'Clock i due componenti dei Socialeyez si mostrano per la prima volta in video. Lo fanno in maniera ironica come ironico è lo spirito del quarto brano musicale estratto dal loro disco d'esordio: Gathering. Beer O'Clock è infatti un brano che descrive con paro...

Vai alle News
19 Feb

Renato Giordano - prossima fermata l'isola che c'è...

"Prossima Fermata L'Isola che c'è" è il nuovo romanzo di Renato Giordano, disponibile su Amazon anche in formato digitale. “A me è successo: stavo sbuffando ed arrancando sopra il mio treno su per la collina, ed il motore pur andando a tutta forza era lento e impantanato nella fanghiglia ed allora, sono saltato su di un’altra locomotiva, che andava in senso inverso, ho impresso una ulteriore accelerazione alla mia vita ed ho cominciato...

Vai alle News
21 Gen

Che "Romanò Simchà" (Festa Ebraica Rom) abbia inizio!...

E’ disponibile in anteprima su tutte le piattaforme digitali "Romanò Simchà - Festa Ebraica Rom", il nuovo album dei Solisti dell’Orchestra Multietnica di Arezzo, Enrico Fink, Alexian Santino Spinelli e l’Alexian Group, pubblicato da CNI e "Officine della Cultura". Mondi musicali che s’incontrano, tradizioni a confronto, contaminazioni timbriche e armoniche di due culture che più volte nella storia hanno incrociato il proprio cammino e...

Vai alle News
08 Gen

Almamegretta - Sanacore Tour 1.9.9.5. (Live Napoli)...

Disponibile su tutte le piattaforme digitali e nell’HI-QU Store “Sanacore Tour 1.9.9.5. (Live in Napoli)”. “Era fine settembre. Io e Luca Fornari ci aggiravamo ansiosi tra il palco e la folla a goderci la vista di quel fiume di gente tra il pontile e il mare, con il suono che bucava il cielo. Un lungo susseguirsi di grandi successi: “Figli di Annibale”, “Nu te scurdà” -  indimenticabile il video di Pappi Corsicato – “Sole” con le...

Vai alle News

Altre News

Gabriella Belloni - C'era una ragazza che come me......

"C'è una RAGAZZA che COME ME..." è il nuovo libro di Gabriella Belloni, disponibile nell' HI-QU Store e su Amazon. Italo Moscati nella prefazione del libro scrive: "Gabriella racconta la sua storia che è una storia nostra, più grande, con tutte le fascinazioni riuscite e richiami proponenti e sempre giovani perché le ricerche del meglio e delle utopie da raggiungere non sono finite, le abbiamo ancora presenti, vivono nascoste tra i brividi delle epidemie della corruzione che svela la sua alleanza con i virus [...] Le musiche delle idee e della pulizia, della giustizia e del domani senza veleni. Le musiche evocate da una ragazza Gabriella che è andata, è tornata, ma non alza la voce; alza solo (ed è tanto) il piacere delle esperienze fatte e delle emozioni collezionate. Un filo di poesia e una straordinaria voglia di non scaricare la fatica dei viaggi e dei ritorni.[...]"

"Ha-delet" è il nuovo album di Riccardo Joshua Moretti...

Il 20 novembre arriva in radio “Ner” di Riccardo Joshua Moretti, primo singolo estratto dall'album Ha-Delet. “Ogni uomo è stato creato perché giunga a questa Porta che conduce al Canto delle Sapienze. Sappi che ogni cosa che esiste al mondo ha il suo canto particolare ma tutti i canti provengono dal Canto delle Sapienze. Quando intonerai il tuo vero canto, in quell’istante capirai che quella melodia era stata creata solo per te. Allora avrai la chiave per aprire la porta dei cieli.” “Solo un Canto resterà nel tuo cuore, conservalo per tutto il tempo della tua esistenza.” Questo lavoro prende spunto dalle opere letterarie di due uomini, Nachman di Breslav e Franz Kafka, che hanno vissuto in luoghi e generazioni lontane ma che sono riusciti a dialogare tra loro. Essi dialogano ma nessuno dei due lo sa e, come due teologi, dibattono usando tutti i linguaggi a loro noti, compreso quello mistico, che se per Nachman di Breslav è la lingua madre, in Kafka affiora a tratti, timidamente, ma con intensità. Ciò appare evidente nel racconto di Kafka Il Processo: ”Davanti alla Porta c’è un guardiano. Un uomo di campagna si presenta per chiedergli se può entrare. […] Il guardiano risponde di non poterglielo permettere per il momento, forse in seguito. […] L’uomo decide di attendere finché non gli verrà concesso di entrare. Passano giorni, mesi ed anni quando l’uomo trova il coraggio di chiedere al guardiano come mai in tutti questi anni passati davanti alla Porta nessuno è mai venuto a chiedere di entrare. Allora il guardiano gli dice: “Nessun altro poteva entrare perché questa Porta era destinata solo a te.“  

Il 2 Dicembre concerto online degli Agricantus...

Gli Agricantus vi invitano al concerto online da Vittoria (RG), Sicilia. Un suggestivo viaggio nel Mediterraneo attraverso tre decenni di musica e attraverso gli incontri tra diverse culture che caratterizzano la Sicilia - poliglotta nelle lingue e nei suoni arcaici e contemporanei. Il concerto inizierà alle ore 20.00 CET del 2 dicembre e sarà a disposizione dei possessori del biglietto per 24 ore dopo lo spettacolo. Il costo del biglietto per "Agricantus live al Chiostro delle Grazie" è di 10,00 euro.  

Marianne Li & Sergio Rendine - Pop Games...

MARIANNE LI & SERGIO RENDINE – POP GAMES Dal 23 ottobre arriva in radio e su tutti i digital store “Milonga Capinera” di MARIANNE LI e Sergio Rendine. Il singolo segna il lancio dell'EP Pop Games, anch'esso in uscita oggi per Compagnia Nuove Indye.   "Arriva dalla Sicilia, terra ricca di profumi, di arte e di storia. È una giovane musicista, è un' artista piena di fascino e di vitalità che ti coinvolge all'istante. Lei suona uno strumento, inusuale per una donna: una tromba, a cui lei, con la straordinaria complicità di quel grande compositore che è Sergio Rendine, riesce a dare vita e anima. Straordinaria! Lei è MARIANNE LI” "Dopo un percorso prettamente classico/orchestrale (Prima Tromba all'Opera del Cairo, Orchestra Verdi di Milano e altre) incontro il Maestro Sergio Rendine, come una folgorazione sulla via di Damasco.  Vede in me, subito, una luce diversa, quella che con l'orchestra ha poco a che fare. Avevo attraversato un momento di grande dolore, dovuto proprio al non sentirmi adeguata fra tanti orchestrali e alla mia incapacità cronica di suonare come un essere privo di anima. Coltivavo nel cuore da sempre, il sogno di fare la solista, ma si sa, i sogni non sempre si avverano. Non era facile trovare qualcuno importante, di superlativa bravura, di grande maestria, che decidesse autonomamente di cogliere ciò che ero. Poi è arrivato e per me è stato non un sogno che si realizza, ma un miracolo".  

Ezra & Joshua - "12"...

"12" è la convergenza di due galassie, due mondi opposti e lontani anni luce. Un incontro più unico che raro – prezioso, forse irripetibile. Riccardo Joshua Moretti è un Artista classico con la A maiuscola. Ha diretto l’Orchestra del Teatro Bolshoi di Mosca. Alla Carnegy Hall di New York è stato il protagonista di “Puccini Experience”, vincendo diversi awards come miglior compositore dell’anno. Grande compositore di musica sinfonica, ha pubblicato con Compagnia Nuove Indye “Il Canto di Israele", “L’Albero dei Sogni” e, il 9 ottobre, “Niggun per Tullia Zevi” un omaggio alla memoria di Tullia Zevi. Alex Ezra Fornari, artista rock/post-punk con i Pale TV, la sua prima band apprezzata nell’ambiente (Night Toys e Teutonic Knight e un tour con i Simple Minds). Si definisce con un suo linguaggio aspro e selvatico di parole che sono pioggia ghiacciata e lame e pugni nello stomaco. EZRA & JOSHUA parlano di vita, di quella vissuta, di quella che sarebbe potuta essere, di quella che sarà. In queste storie raccontate, reali e al tempo stesso impossibili la poesia diventa un dialogo che ha voce, silenzio e suono. L’amore e l’erotismo, l’amicizia, il ricordo, la sottile malinconia che non è mai tristezza: un dialogo prima impossibile che improvvisamente accade. Le dita di Joshua toccano il piano e raccontano storie indecifrabili che non sapremo mai leggere veramente, che vanno oltre l’uomo; Ezra continua la sua ricerca di un punto di congiunzione tra il cielo e la terra.  

“Gathering” è il nuovo album dei Socialeyez...

“Gathering” è il primo album dei Socialeyez, duo nato poco più di un anno fa in un garage del quartiere del Pigneto, a Roma. L’album esce venerdì 2 ottobre su tutti gli store digitali e nei negozi fisici e sarà presentato martedì 6 ottobre a “Le Mura” di Roma. La band è formata da due elementi, entrambi del '77, che hanno suonato insieme e separatamente per diversi anni prima di decidere di iniziare un percorso nuovo, più asciutto e lineare. Qualcosa che in inglese si definisce “streamlinde”. Inglese è pure la lingua del disco, cantata da Ryan che suona il sax ed è nato in Minnesota. Lì è cresciuto fino a 19 anni, quando ha deciso di trasferirsi in Italia per studiare belle arti, passando per Pavia, Milano e Napoli prima di fermarsi a Roma. Pietro è nato in Calabria, dove ha imparato a suonare la chitarra e il basso calpestando molti dei palchi dedicati alla musica emergente più importanti d'Italia negli anni '90, prima di emigrare nella capitale per immergersi nei ritmi e nelle sonorità elettroniche del sottobosco metropolitano. A ottobre dell'anno scorso firmano il loro primo contratto con Compagnia Nuove Indye importante etichetta simbolo di qualità e di indipendenza. «Il disco è una reazione quasi istintiva a tanti anni di musica, pittura, esperienze di getto collettivo in una Roma piuttosto generosa, che permette ancora di trovarsi tutti insieme in un garage a fare musica – racconta Ryan – Le influenze che hanno portato alla realizzazione del disco sono influenze vive: amici e persone di passaggio che mi hanno lasciato stili e stimoli differenti e il desiderio di andare oltre». Con il progetto Socialeyez e il suo primo frutto “Gathering”, i due musicisti adottano uno specifico registro: fare musica ripartendo dalle fondamenta, dalle proprie basi musicali, dai propri miti, degli anni passati ad ascoltare musicassette e vinili. L’album nasce dalle immagini, dai ricordi, dalle impressioni indelebili. L’approccio è “lo-fi”, un mix italoamericano che mette insieme rock, elettronica, folk, jazz, rap, blues, punk, con un’attitudine underground. «Le basi di “Gathering” sono state concepite dal punto di vista di un bassista e sono state composte seguendo una direzione duplice: dare all'ascoltatore dei punti fissi su cui poggiare i piedi e gli occhi e, insieme, degli spazi e delle correnti sulle quali lasciar viaggiare corpo e mente – spiega Pietro - Talvolta sono nate prima dei testi, altre volte sono state ispirate proprio dalle possibilità ritmiche, armoniche e soprattutto poetiche di una lingua e un'origine così diversa dalla mia, quindi sempre nuova e affascinante».