21 Giu

IL LIBRO “FREAK OUT” RECENSITO SU “ALIAS”

Sul “Alias”, supplemento culturale del “Manifesto”, in edicola il 17 giugno, Luca Pakarov recensisce “Freak Out”, il libro scritto da Daniela Amenta, con le interviste di Ida Guglielmotti, pubblicato da Compagnia Nuove Indye:“Ce l’aveva detto nella sua ultima intervista che era sempre stato visto come un outsid...

Vai alle News
09 Giu

BLOGFOOLK RECENSISCE “MANE E MANE” DI ENZO AVITABILE

Su Blogfoolk potete leggere la recensione del CD di Enzo Avitabile "Mane e Mane", scritta da Salvatore Esposito: ““Ho trascorso molto tempo a guardarmi in giro e a studiare. Mi è sembrato normale approdare ad un’etichetta che ti aiuta a non mediare, in cui sei libero di agire senza essere condizionato” con queste parole Enzo Av...

Vai alle News
06 Giu

I Tarantolati di Tricarico su “Blow Up”

“Roma, Auditorium Parco della Musica, 13 aprile 2017. Gruppo storico del folk italiano, i Tarantolati di Tricarico sono da qualche mese in tour per promuovere il loro ultimo lavoro Terra che trema (CNI). La tappa all’Auditorium romano conferma l’energia e la vitalità di una formazione che ha fatto del ‘tarantolismo’ la pr...

Vai alle News
05 Giu

“Freak Out” su “La Nazione”

Michele Manzotti sul quotidiano “La Nazione” in edicola oggi parla di “Freak Out. Psicofisiologia di un genio”, il libro di Daniela Amenta, con le interviste di Ida Guglielmotti, pubblicato da Compagnia Nuove Indye. "Freak Out" è una biografia fuori dagli schemi dove sfilano i ricordi e le testimonianze di personaggi tra i pi&u...

Vai alle News

Altre News

ALINA IN MOSTRA A ROMA...

Sabato 13 maggio alle ore 11.00 alla Biblioteca “Casa del Parco” di Roma (Via della Pineta Sacchetti 78), in occasione della pubblicazione del libro “Alina.La Macchia”, verrà inaugurata una mostra per osservare da vicino le tavole illustrate di Marina Rivera, che si potrà visitare fino al 23 maggio. Dalle 11.30 alle 13.30 si svolgerà anche un laboratorio creativo per bambini di età compresa tra i 3 ed i 10 anni.Il libro “Alina. La Macchia” contiene anche un CD con il brano “La Macchia”, composto da Luis Bacalov, con il testo di Janna Carioli, il brano “Bim Bam Bum” pubblicato con il libro “Alina. Nasco!”, e le versioni strumentali di entrambi i brani. Il libro è disponibile anche nel nostro Store ed il CD è disponibile anche in digitale su iTunes , Spotify  e Deezer.Produzione: Paolo Dossena & Luis Bacalov.

“Freak Out” su “L’Unità”...

Questa sera a “Macerata racconta” Daniela Amenta, insieme a Luca Pakarov, presenterà il libro “Freak Out” da lei scritto, con le interviste di Ida Guglielmotti, edito da Compagnia Nuove Indye, già disponibile nel nostro Store. Dopo la presentazione si svolgerà il concerto di Alessandra Mostacci.Su “Radar”, l’inserto culturale de “L’Unità”, oggi in edicola, potete leggere l’introduzione del libro.In questo libro sfilano i ricordi e le testimonianze di personaggi tra i più vari, eterogenei: dal poeta Guido Catalano a Gianni Celati, professore di Freak al Dams, e poi Eros Drusiani, Oderso Rubini, Andrea Setti, Brunetto Salvarani, Vincenzo Sparagna, Stefano Disegni, Luca Pakarov, Giulio Pasquali, Diletta Parlangeli e Marino Severini dei Gang.Questo libro si affianca al CD “Freak-Out” pubblicato da CNI, prodotto da Fabrizio Federighi per la Deepside Music, disponibile anche nel nostro Store oltre che in digitale su iTunes, Spotify e Deezer . Al pianoforte troviamo Alessandra Mostacci, la “Mostachova” come la chiamava Freak, che ha composto anche le musiche.   

Freak Out (psicofisiologia di un genio)...

Chi è stato Freak Antoni e perché ci manca, ancora, così tanto? Chi era il “giovane urlatore di Bologna, molto estroso ma basso di statura” che ha inventato linguaggi, attraversato la scena musicale/culturale italiana come un fulmine, scardinando ogni regola, destrutturando l'insopportabile mondo del buon senso? Abbiamo tentato di ricostruirne la vita e la carriera attraverso storie (non solo pese), racconti, frammenti di canzoni, flash, ricordi. Freak Out (psicofisiologia di un genio) è il libro di Daniela Amenta, con le interviste di Ida Guglielmotti, che esce per Compagnia Nuove Indye ed è il compendio al disco di inediti appena pubblicato da CNI. Una biografia fuori dagli schemi con la postfazione e la discografia/bibliografia ragionata a cura di Giulio Pasquali, i contributi di Luca Pakarov e Diletta Parlangeli,e le amorevoli testimonianze di Guido Catalano, Gianni Celati, Massimo Depaoli, Stefano Disegni, Eros Drusiani, Roberto Grassilli, Danilo Masotti, Elisa Minari, Alessandra Mostacci, Sandro Oliva, Luca Pastore, Oderso Rubini, Brunetto Salvarani, Andrea Setti, Marino Severini e Vincenzo Sparagna. A 40 anni dal 1977 l'omaggio al figlio ribelle di quella Bologna, quel Dams, quella stagione irripetibile. Quanto troverete in Freak Out non è liturgia: nessuna presunzione di avere amato Roberto di più, saputo di più, conosciuto meglio. Questo libro è solo il “perdono complice” a uno di noi. Uno dei migliori di noi. L'anteprima nazionale di Freak Out sarà il 5 maggio a “Macerata Racconta”. Con Daniela Amenta e Luca Pakarov, e il concerto di Alessandra Mostacci.

BLOGFOOLK RECENSISCE “1984/2016” DEI KUNSERT...

Su Blogfoolk potete leggere la recensione del CD dei Kunsertu "1984/2016", scritta da Salvatore Esposito: “Nati nel 1979 in Sicilia dall’incontro tra i messinesi Giacomo Farina e Nello Mastroeni, già attivi nell’ambito della musica popolare, e catanesi Vincenzo Gangi e Stefano Foresta, con alle spalle esperienze in ambito jazz e funk, i Kunsertu si arricchirono ben presto con l’ingresso in formazione delle voci del siciliano Beppe Barile, del palestinese Faisal Taher e del senegalese Dudu Kwateh. Dopo aver mosso i primi passi nella scena musicale isolana, debuttarono con il disco omonimo nel 1984, ma il vero successo arrivò con il successivo “Shams”, pubblicato nel 1989 per la New Tone Records, che li segnalò al grande pubblico tanto per l’originalità del loro sound che li vedeva mescolare pop, rock, funk e jazz con i suoni del Mediterraneo, quanto per i testi che affrontavano temi ancora oggi di prepotente attualità come il dramma dell’immigrazione e le stragi dei campi profughi palestinesi. Coniugando sperimentazione ed innovazione, fecero un po’ da apripista per l’avvento della world music in Italia, ed in questo senso significativo è il loro terzo album “Fannan”, che ampliava il raggio delle loro esplorazioni musicali attraverso sempre connessioni ed intersezioni sonore sempre più ricercate.” Continua a leggere su Blogfoolk:

MARIA LETIZIA GORGA – “AVEC LE TEMPS, DALIDA...

Martedì 2 maggio vi aspettiamo all’Auditorium Parco della Musica di Roma con Maria Letizia Gorga ed il suo spettacolo “Avec le temps Dalida”, scritto e diretto da Pino Ammendola. I biglietti sono già in vendita su Ticketone ed il DVD dello spettacolo lo trovate anche nel nostro Store. Dalida, per il suo modo di attraversare la storia e il costume è una vera eroina dei nostri tempi. Jolanda Cristina Gigliotti, italiana nata in un sobborgo del Cairo diventa prima Miss Egitto e poi Mademoiselle Bambinò, la regina dei juke-box , per venire infine consacrata col nome di Dalida, come la più grande cantante francese di tutti i tempi, superando il record di 300 milioni di dischi venduti. In vita il generale de Gaulle l’aveva insignita della medaglia della Presidenza della Repubblica, unica donna e unico artista ad averla ottenuta e alla sua scomparsa Parigi le ha dedicato una piazza: Place Dalida! Ma dietro la maschera della star Dalida, la donna Jolanda ha vissuto costantemente la tragedia di essere amata più come artista, che come persona, la sua vita è stata un misterioso e affascinante percorso tra arte e amore, scientificamente interrotto dalla volontà di decidere anche la propria morte. L’idea dello spettacolo, che ha debuttato nel 2003 e ha girato il mondo superando le 500 repliche, nasce dal desiderio di ricordare oltre alla sua vita, le canzoni che l’hanno resa celebre.