20 Nov

"Ha-delet" è il nuovo album di Riccardo Joshua Moretti...

Il 20 novembre arriva in radio “Ner” di Riccardo Joshua Moretti, primo singolo estratto dall'album Ha-Delet. “Ogni uomo è stato creato perché giunga a questa Porta che conduce al Canto delle Sapienze. Sappi che ogni cosa che esiste al mondo ha il suo canto particolare ma tutti i canti provengono dal Canto delle Sapienze. Quando intonerai il tuo vero canto, in quell’istante capirai che quella melodia era st...

Vai alle News
20 Nov

Il 2 Dicembre concerto online degli Agricantus...

Gli Agricantus vi invitano al concerto online da Vittoria (RG), Sicilia. Un suggestivo viaggio nel Mediterraneo attraverso tre decenni di musica e attraverso gli incontri tra diverse culture che caratterizzano la Sicilia - poliglotta nelle lingue e nei suoni arcaici e contemporanei. Il concerto inizierà alle ore 20.00 CET del 2 dicembre e sarà a disposizione dei possessori del biglietto per 24 ore dopo lo spettacolo. Il costo del biglie...

Vai alle News
23 Ott

Marianne Li & Sergio Rendine - Pop Games...

MARIANNE LI & SERGIO RENDINE – POP GAMES Dal 23 ottobre arriva in radio e su tutti i digital store “Milonga Capinera” di MARIANNE LI e Sergio Rendine. Il singolo segna il lancio dell'EP Pop Games, anch'esso in uscita oggi per Compagnia Nuove Indye.   "Arriva dalla Sicilia, terra ricca di profumi, di arte e di storia. È una giovane musicista, è un' artista piena di fascino...

Vai alle News
16 Ott

Ezra & Joshua - "12"...

"12" è la convergenza di due galassie, due mondi opposti e lontani anni luce. Un incontro più unico che raro – prezioso, forse irripetibile. Riccardo Joshua Moretti è un Artista classico con la A maiuscola. Ha diretto l’Orchestra del Teatro Bolshoi di Mosca. Alla Carnegy Hall di New York è stato il protagonista di “Puccini Experience”, vincendo diversi awards come miglior compositore dell’anno. Grande compositore di musica sinfonica, h...

Vai alle News

Altre News

“Gathering” è il nuovo album dei Socialeyez...

“Gathering” è il primo album dei Socialeyez, duo nato poco più di un anno fa in un garage del quartiere del Pigneto, a Roma. L’album esce venerdì 2 ottobre su tutti gli store digitali e nei negozi fisici e sarà presentato martedì 6 ottobre a “Le Mura” di Roma. La band è formata da due elementi, entrambi del '77, che hanno suonato insieme e separatamente per diversi anni prima di decidere di iniziare un percorso nuovo, più asciutto e lineare. Qualcosa che in inglese si definisce “streamlinde”. Inglese è pure la lingua del disco, cantata da Ryan che suona il sax ed è nato in Minnesota. Lì è cresciuto fino a 19 anni, quando ha deciso di trasferirsi in Italia per studiare belle arti, passando per Pavia, Milano e Napoli prima di fermarsi a Roma. Pietro è nato in Calabria, dove ha imparato a suonare la chitarra e il basso calpestando molti dei palchi dedicati alla musica emergente più importanti d'Italia negli anni '90, prima di emigrare nella capitale per immergersi nei ritmi e nelle sonorità elettroniche del sottobosco metropolitano. A ottobre dell'anno scorso firmano il loro primo contratto con Compagnia Nuove Indye importante etichetta simbolo di qualità e di indipendenza. «Il disco è una reazione quasi istintiva a tanti anni di musica, pittura, esperienze di getto collettivo in una Roma piuttosto generosa, che permette ancora di trovarsi tutti insieme in un garage a fare musica – racconta Ryan – Le influenze che hanno portato alla realizzazione del disco sono influenze vive: amici e persone di passaggio che mi hanno lasciato stili e stimoli differenti e il desiderio di andare oltre». Con il progetto Socialeyez e il suo primo frutto “Gathering”, i due musicisti adottano uno specifico registro: fare musica ripartendo dalle fondamenta, dalle proprie basi musicali, dai propri miti, degli anni passati ad ascoltare musicassette e vinili. L’album nasce dalle immagini, dai ricordi, dalle impressioni indelebili. L’approccio è “lo-fi”, un mix italoamericano che mette insieme rock, elettronica, folk, jazz, rap, blues, punk, con un’attitudine underground. «Le basi di “Gathering” sono state concepite dal punto di vista di un bassista e sono state composte seguendo una direzione duplice: dare all'ascoltatore dei punti fissi su cui poggiare i piedi e gli occhi e, insieme, degli spazi e delle correnti sulle quali lasciar viaggiare corpo e mente – spiega Pietro - Talvolta sono nate prima dei testi, altre volte sono state ispirate proprio dalle possibilità ritmiche, armoniche e soprattutto poetiche di una lingua e un'origine così diversa dalla mia, quindi sempre nuova e affascinante».  

“A piedi nudi” è il nuovo album di COSTANZA...

“A piedi nudi” è il debutto discografico della ventiduenne cantautrice toscana Costanza che con il suo pop fresco e raffinato è entrata nella finale della XXXI edizione del Festival della canzone popolare e d’autore italiana Musicultura. Preziosa la collaborazione con Danilo Cherni, collaboratore di Antonello Venditti,  e con Vito Ranucci, compositore di importanti colonne sonore da Mario Monicelli per il film “Le rose del deserto” a Rossella Bergo per il film “Florindo e Carlotta". Costanza, all’anagrafe Costanza Motroni, inizia all’età di 14 anni a fare musica e da subito a mescolare le note con le parole, per raccontare i propri sogni, le fantasie, le irrequietezze e le tentazioni. Il suo obiettivo è semplice: portare la sua arte e la sua musica tra il pubblico, piccolo o grande che sia, per mostrare ciò che risuona nella sua mente e nel suo cuore. Firma il suo primo contratto con Compagnia Nuove Indye importante Griffe simbolo di qualità e di indipendenza. Costanza racconta la vita e le sue fragilità, intese non come debolezze, ma come punti di forza. «“A piedi nudi” è nato tra le quattro mura della mia camera e tra i tasti del pianoforte – spiega Costanza – lasciandomi trasportare dai pensieri e dalle emozioni che mi hanno condotto nei diversi sentieri sui quali ho camminato, appunto, a piedi nudi e libera. L’album è un viaggio alla ricerca di me stessa, nella mia solitudine, nella mia fragilità umana, e con le mie speranze di un futuro emozionante. L’uscita del mio primo disco mi emoziona molto. Per la prima volta una piccola parte di me potrà diventare parte di chi mi ascolta». L’album sarà presentato mercoledì 7 ottobre a Roma ("Le Mura", Via di Porta Labicana 24).

Ezra & Joshua - Quello che era giusto...

“Quello che era giusto” è il primo singolo di EZRA & JOSHUA che anticipa la prossima pubblicazione del loro album intitolato "12". E' l'inizio di un racconto di 12 brani: un PIANO, una VOCE, un SUONO. Un dialogo emozionante tra due artisti: Riccardo Joshua Moretti e Alex Ezra Fornari. Dal loro incontro nasce un nuovo linguaggio non definibile, non etichettabile, in bilico tra le composizioni e il tocco neo-classico di Joshua al piano e le parole e la voce inusuale di Ezra con il suo timbro neo-rock. Joshua e Ezra ci parlano della vita nel difficile equilibrio tra il bene e il male.  

Il 28 Luglio Bobby Soul in concerto Feat. Roy Paci...

Martedì 28 luglio vi aspettiamo al Porto Antico di Genova per il concerto di Bobby Soul che presenterà il suo nuovo album 20/30 insieme alla "Banda Ventitrenta", creata appositamente per questo evento speciale, che vedrà come ospite Roy Paci! Sul palco con Bobby Soul ci saranno: Davide Zalaffi (batteria), Lucas Bellotti (basso), Alessio Caorsi (chitarra elettrica), Matteo Minchillo (tastiere), Stefano Guazzo (Sax), Andrea Giannoni (armonica), con i Visuals di Marco Bernini. .

Marianne Li - "Barabba"...

"Barabba" è il singolo di Marianne Li, che sarà disponibile in tutti i digital stores dal 5 giugno 2020 (etichetta CNI Compagnia Nuove Indye). Estratto dal QU disc, composto da quattro brani, di prossima uscita, e dal cd i cui pezzi saranno dedicati, ciascuno, ad una provincia della Regione Sicilia. Marianne Li, trombettista di estrazione classica, esplode con un sound giovane e metà strada fra il lirismo, la dance e i ritmi arabi. Barabba, ambientato e dedicato alla città di Palermo, rievoca i suoni mediterranei dei mercati, la dance dell’essere giovani e spensierati, il suono lirico della parte cantabile, che fa da collante fra un tempo passato e uno proiettato al futuro. “Dopo un percorso prettamente classico/orchestrale,( Prima Tromba all’Opera del Cairo, Orchestra Verdi di Milano,e altre) incontro il Maestro Sergio Rendine, come una folgorazione sulla via di Damasco. Vede in me, subito, una luce diversa, quella che con l’orchestra ha poco a che fare. Avevo attraversato un momento di grande dolore, dovuto proprio al non sentirmi adeguata fra tanti orchestrali e alla mia incapacità cronica di suonare come un essere privo di anima. Coltivavo nel cuore da sempre, il sogno di fare la solista, ma si sa, i sogni non sempre si avverano. Non era facile trovare qualcuno importante, di superlativa bravura, di grande maestria, che decidesse autonomamente di cogliere ciò che ero. Poi è arrivato e per me è stato non un sogno che si realizza, ma un miracolo” Realizzazione – SERGIO RENDINE Produzione – Paolo Dossena e Sergio Rendine per CNI COMPAGNIA NUOVE INDYE Edizioni LOOK STUDIO P&C Look Studio Srl    

Bobby Soul - 20/30...

"Finirà" è il singolo di Bobby Soul estratto dal nuovo album "20/30", disponibile in tutti i digital store. "Siamo nel 2030 e, per qualche improbabile e improvvisa contingenza, un uomo è costretto a restare mesi in uno spazio angusto che deve condividere con Walter Marino Rizzi, un avvistatore altoatesino di UFO deceduto nel 2002 che avendo in vita appreso l'arte del viaggiare nel tempo decide di collocarsi proprio nell'angusta videocameretta, dove è recluso suo malgrado l'uomo in questione. Il suo unico spazio di libertà è il sonno e il sogno, pieno di passato ma anche di desideri e progetti. L'uomo cerca di comunicare invano a un mondo che non riesce più a comprendere e che è altrettanto restio a volersi far comprendere, ma raramente perde il buon umore perchè tutto sommato riesce ad autoalimentarsi e non sta così poi male recluso nella sua audiocameretta con Walter Marino Rizzi. Certo al risveglio dai sogni vorrebbe solo un po' di tempo per pisciare in pace. Ma Walter lo incalza, Walter è estremamente loquace, durante il giorno non può fare a meno di ripetergli quella storia del '68 in cui aveva visto gli UFO. Walter è un bravo cristo ma certo l'uomo avrebbe preferito stare insieme a una bella, vivida e vitale rosa oppure sgaiattolare via per farlo veramente." "Come tutti noi ho passato molto tempo con me stesso. Diviso fra cercare risorse per campare e scrivere pezzi, rubacchiare suoni dalla rete, giocare con la tastiera e le percussioni. Così sono venute fuori queste otto nuove canzoni, che a me appaiono più come caricature di canzoni, disegni, bozze di canzoni. Però sono la onesta cronaca di questi miei due mesi, non so come potrebbero suonare fra un anno, non so cosa saremo tutti noi fra un anno. Ho pensato avesse senso pubblicarle subito e alla fine non ho resistito all'idea di fare una specie di teatrino di canzoni e frammenti sonori tutti fra loro collegati, fra sogno e sogno, usando molto l'immaginazione, perdendomi in un tempo che è corso più veloce di quanto pensassi. Mi ha aiutato come sempre il mio sodale di una vita, Alessio Caorsi, che mi ha mandato le sue chitarre da distante e Matteo Minchillo, anche con lui collaboro da tempo, che mi ha mandato una bellissima parte di piano che accompagna uno dei brani dell'album. Ogni canzone è corredata da un video sgranato, sullo sfondo del panorama che si apriva ogni notte dalla mia finestra." Bobby Soul